storia del preventorio opai

rassegna stampa

le nostre pubblicazioni

lascia una testimonianza

“Dove prima viveva in mollezza di fausto gaudioso la famiglia di secolare nobiltà, entra ora a fiotti la piccola umanità dal sangue povero, venuta dal vicolo, dalla soffitta, dal retro bottega. Bimbi nati da genitori che la cattiva nutrizione, l’aria viziata degli opifici e delle case-alveari resero tubercolotici, troveranno nel campestre libero soggiorno la necessaria resistenza fisica per affrontare la vita. [...] Per l’Opera, in denaro, in roba, in lavoro, molto da molti fu dato. [...] Quando io vidi Villa Gonzaga per la prima volta, il tardo autunno la circondava di un’aurea ma desolata magnificenza di foglie morte. Ora la precoce primavera chiama al sole primule e mammole, gonfia le gemme e rinnova nei frutteti il miracoloso biancoroseo della fioritura. Penso alle primavere che verranno…”

Ada Negri, 1922

Gallery

Il bagno all'aperto parcopiscina attestato di benemerenza a Clotilde Cavalli La tribuna dei principi Fontana, particolare gruppo scultoreo, il bambino lezione all'aperto Il laboratorio di calzoleria Gruppo di bambine Opai, i disegni del Padiglione regina Elena Opai, anni Venti, la facciata la duchessa Marianna Visconti di Modrone Piero Preda manine fraterne - festa di carnevale 1 la siesta ritratto di bambino 6 27 settembre 1931 - passeggiata operaia