De Bacco Fausto

Sono stato ricoverato all’Opai dal 2 settembre 1955 al 28 giugno 1958 a scopo di prevenzione; in effetti i miei genitori avevano sempre chiamato “preventorio” la struttura di Olgiate Olona dove venni mandato in quanto con la mia famiglia viveva anche mio nonno Ermenegildo che era stato malato di tubercolosi a causa del lavoro svolto per anni in miniera. Non ho molti ricordi di quegli anni, se non che si dormiva in grandi e lunghe camerate e che i miei genitori venivano a trovarmi settimanalmente in bicicletta (abitavano a Borsano di Busto Arsizio). Un altro ricordo, peraltro sbiadito, è la delusione provata il primo giorno di scuola quando furono formate le classi e mi ritrovai in classe con solo maschi

Tratto dal volume di Enrica Mariateresa Ferrazzi “Opai, io c’ero… Voci e volti della Casa dei Bambini di Olgiate Olona”

Pubblicato in testimonianze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Website Protected by Spam Master